about.

Addosso le rimanevano incollati brandelli di vita, come le foglie che da piccola si appiccicava sulla maglietta e che non si staccavano più. Sperava di diventare un albero ai tempi, così alto da toccare le stelle del giorno, quelle nascoste, che da terra non riusciva ad afferrare.

Aveva desiderato più volte di saltare tra i fili dell’universo e suonarli come un’arpa: la sua sarebbe stata una melodia che di bello avrebbe avuto il silenzio. Era ovvio che nessuno la capisse, era ovvio che scomparisse tra gli altri, con gli occhi puntati verso momenti non ancora nati e che non avrebbe mai immaginato sarebbero arrivati -della sua vita lei non sapeva che farci. Voleva solo andare su, per sprofondare dentro il fondo di una foresta e sentirsi amata, un albero caduto che aveva conosciuto il cielo ed aveva vissuto solo per tornare al punto di partenza, un enorme cerchio con il suo corpo al centro, in una spirale di braccia e stomaco e capelli e sospiri attorcigliati.

Annunci

21 pensieri riguardo “about.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...